giovedì 11 febbraio 2010

B. & B. si capiscono:
torcicollo, mal di schiena...





















Bertolaso ad Haiti: i soccorsi sono organizzati male, gli americani pensano solo allo show. Già. A quanto dicono i giudici, tu pensavi alla patata.

Fiorenza Sarzanini sul Corriere della sera: "È in quel «sistema gelatinoso» messo in piedi per gestire le opere dei «Grandi Eventi» che i magistrati fiorentini evidenziano le accuse contro il capo della Protezione civile Guido Bertolaso. E indicano in «soldi contanti e prestazioni sessuali» la contropartita che il potente sottosegretario avrebbe ottenuto per l’assegnazione degli appalti al gruppo imprenditoriale di Diego Anemone, 39 anni. In un paio d’anni Anemone è riuscito ad aggiudicarsi «il quarto, il quinto e il sesto lotto del G8 a La Maddalena», i lavori al Foro Italico in vista dei Mondiali di nuoto, l’aeroporto di Perugia per le celebrazioni dell’anniversario dell’Unità d’Italia.
(...)
Sottolinea il giudice: «In molteplici occasioni Bertolaso, talora in concomitanza con gli incontri con l’Anemone, ha usufruito di prestazioni presso il centro benessere del Salaria Sport Village gestito da Simone Rossetti, sotto le direttive di Diego Anemone. In almeno in una di queste occasioni il tenore dei dialoghi intercettati induce a ritenere che Bertolaso abbia usufruito presso il centro, all’uopo chiuso al pubblico, di prestazioni di natura sessuale e che a tale specifico fine il Rossetti abbia ingaggiato una donna che si è intrattenuta con Bertolaso».
(...)
È il 21 novembre 2008.
Bertolaso: Sono Guido buongiorno.
Rossetti: Buongiorno, tutto bene?
Bertolaso: Sono atterrato in questo istante dagli Stati Uniti... se oggi pomeriggio Francesca potesse... io verrei volentieri... una ripassata."

Bertolaso: degno braccio destro di Berlusconi. Che lo vuole fare ministro: "È il minimo dopo quello che ha fatto", ha detto pochi giorni fa. Che corre in sua difesa: "Non erano escort, aveva mal di schiena". E lui capisce l'amico. Ricordiamo bene infatti che il nostro simpatico presidente del Consiglio è stato purtroppo costretto a letto da un fastidioso torcicollo.
Chi pensa che chi ci governa sia ipocrita non si preoccupi: verrà presto il tempo in cui ci verrà detto in faccia, onestamente: "Perché io so' io, e voi non siete un cazzo".

1 commento:

  1. Il problema è serissimo ma in pochi si indignano

    RispondiElimina